CronacheGDR

Avatar Legends: The Roleplaying Game – Un Kickstarter leggendario

Timbro letto per voi
 

Avatar Legends: The Roleplaying Game è il gioco di ruolo del famosissimo Avatar: la leggenda di Aang, serie animata americana targata Nickelodeon. Il gioco è curato dalla Magpie Games, nello specifico porta la firma del Game Designer Brendan Conway. Il Kickstarter, durato esattamente un mese, è iniziato il 3 Agosto e sta per finire.

C’era una volta la storia di un bambino pelato con una freccia in testa. Nel 2005 Aang, l’Avatar, il Dominatore dell’Aria esordiva in America con un cartone animato su Nickelodeon e cominciava una lunga storia di premi con gli Emmy Awards di quell’anno. Ed è andata avanti collezionando un successo dopo l’altro fino a quest’anno, quando è entrato nella storia di Kickstarter, la piattaforma di crowdfunding più utilizzata al mondo, come il GdR più finanziato di sempre.

l'artwork di Avatar
Immagine presa da Kickstarter

Il Kickstarter si chiuderà il 2 Settembre (siete ancora in tempo per unirvi agli oltre 65.000 sostenitori) e il mondo si chiede se questo progetto raggiungerà gli 8 milioni di dollari (spoiler: sì). In ogni caso è già il GdR più finanziato della storia della piattaforma. È un bellissimo obiettivo per un prodotto ludico, che sicuramente è forte di un nome molto grosso come Nickelodeon ma è anche un bel traguardo per la Magpie Games, ovvero quelli di Masks – A new generation, Le Spose di Barbablù e Root: il Gioco di Ruolo.

Cominciamo dall’inizio

In un mondo di fantasia dal sapore orientale, il giovane Aang scopre di essere l’ultimo Dominatore dell’Aria. Ma cosa sono i Dominatori? Sono combattenti che attraverso le loro arti marziali possono incanalare e controllare gli elementi: Acqua, Fuoco, Terra e Aria, corrispondenti alle quattro Nazioni in cui è diviso il mondo: la Nazione del Fuoco, le Tribù dell’Acqua, il Regno della Terra e i Nomadi dell’Aria. Quando Aang viene ritrovato congelato in un iceberg da due ragazzi della Tribù dell’Acqua la Nazione del Fuoco ha conquistato gran parte del mondo, imponendo la propria tirannia e la minaccia del Dominio del Fuoco ormai da cento anni, cosa di cui il ragazzo sembra essere ignaro.

È in parte da questo che Katara e suo fratello Sokka, della Tribù dell’Acqua, scoprono che Aang ha una storia davvero particolare, essendo l’unico sopravvissuto dei Nomadi dell’Aria e – scopriranno in seguito – Avatar: allo stesso tempo custode dell’equilibrio e Dominatore di tutti e quattro gli elementi. Comincia così la storia di Aang, Katara, Sokka e Toph, che si ritrovano a combattere contro Zuko, principe della nazione del Fuoco.
Nel GdR vi troverete a giocare un gruppo di ragazzi alle prese con questo grande mondo, che cercano di riparare i torti e di far vincere il bene.

Il gioco di Ruolo: PbtA

Innanzitutto bisogna ammettere che ai più farà gola giocare nei panni di un Dominatore, quale che sia il sistema di gioco, ma quello di cui vogliamo parlare oggi è perché questo prodotto abbia avuto un così grande successo anche nel mondo del Gioco di Ruolo.
Innanzitutto Avatar Legends: the Roleplaying Game è un PbtA, Powered by the Apocalypse, ovvero un gioco basato sul sistema di Meg e Vincent Baker e usato negli ultimi anni per moltissimi grandi successi del GdR (Apocalypse World, Dungeon World, Cuore di Mostro, etc), che per essere giocato necessita di due semplicissimi D6.

I Libretti di Avatar Legends
I libretti di Avatar Legends

Cosa rende questo sistema così speciale? Innanzitutto la sua semplicità: i Libretti, ovvero le schede del personaggio, sono stereotipi del genere rappresentato dal gioco (Postapocalittico per Apocalypse World, Fantasy per Dungeon World e così via) e possono essere compilati anche da un neofita in massimo dieci minuti. La narrazione si svolge liberamente finché non si innesca una Mossa: ogni Mossa è caratteristica del gioco e dell’ambientazione specifica, e rappresenta una serie di topos narrativi che vengono quindi risolti grazie al tiro di dado.

Il grande lavoro di Baker è stata la semplificazione delle classi in Libretti e la codifica di alcuni tipi di scene e di eventi legati alle tematiche dei generi rappresentati dal gioco. E non solo: il sistema è aperto e gratuito, e su invito dello stesso Baker – anche grazie ai suoi consigli – può essere adattato a qualsiasi ambientazione. Un’altra delle caratteristiche fondamentali dei PbtA è l’ambientazione: questi giochi sono fatti per rappresentare tutto quello che i giocatori al tavolo vogliono giocare, quindi all’inizio di ogni partita tutti i partecipanti decidono insieme a che tipo di immaginario si farà riferimento (un postapocalittico con gli zombie o uno radioattivo?).

E cosa c’entra questo con Avatar?

Stiamo parlando di Avatar Legends: the Roleplaying Game, quindi sarebbe stato facilissimo immaginare che i Libretti (le Classi, se vogliamo), potessero essere i quattro Dominatori e qualcos’altro in mezzo. Ma per fortuna il Game Designer, Brendan Conway, è lo stesso che ha scritto Masks, un gioco di giovani supereroi. Lui era già abituato al ‘problema’ dei superpoteri, e sa benissimo che non sono i poteri a fare un supereroe, ma il suo tema. Così in Avatar Legends i Libretti sono diventati caratteristici di quell’ambientazione, e parlano di libertà, oppressione, innovazione e idealismo… e ovviamente di morale, equilibrio e responsabilità.

I Libretti che abbiamo potuto sperimentare grazie al Quickstart si chiamano: Bold, Guardian, Hammer, Icon, Idealist, Successor, e come potete intuire rappresentano un ruolo nel mondo, più che un potere. Perché non è detto che il Bold sarà il vostro Dominatore della Terra, che invece potrebbe essere un Successor, mentre il vostro Dominatore dell’Aria potrebbe essere un Hammer e il vostro spadaccino invece un Guardian.
Ed ecco che le possibilità di gioco, pur sembrando a prima vista ristrette a queste semplici ‘classi’ diventano infinite.

Compra i tuoi giochi su DungeonDice
 

La modifica principale al sistema originale è il cosiddetto Balance (Equilibrio), una barra che parte dal centro e che potrà essere spostata tra due poli opposti: Tradizione e Progresso, Perdono e Azione, Indipendenza e Fiducia e così via. Questi rappresentano il conflitto interiore del personaggio e insieme alle Condizioni (Angry, Afraid, Foolish, Insecure e Guilty) sono dei suggerimenti sullo stato d’animo attuale, e quindi di come il personaggio reagirà all’ambiente circostante.

Il Quickstart

La storia proposta nel Quickstart si intitola La pergamena proibita, ed è quella di una pergamena importantissima che svelerebbe la malvagità della Nazione del Fuoco. I PG sono un gruppo di ragazzini che si ritrovano a doverla portare fuori dalla Capitale proprio durante i festeggiamenti per l’incoronazione del Signore del Fuoco Ozai. Quello che ci si aspetta è una missione silenziosa attraverso la città, ma quello che succederà dai primi fallimenti è impossibile da dire: per fortuna i protagonisti sono tutti dei combattenti fortissimi!

Avatar Legends: the Roleplaying Game, le Mosse
“Alimentato dalla Rabbia”, sentite come suona bene…

Dalla sua prima versione (siamo alla 2.1) il Quickstart sta cambiando in risposta ai feedback di giocatori di tutto il mondo. Ad esempio sono stati introdotti gli Status, un’aggiunta alle Tecniche di Combattimento che servirà a dare sostanza alle azioni descritte nella narrazione. In questa versione se un Dominatore della Terra intrappolerà i piedi dell’avversario nella roccia potrà assegnare lo status Intrappolato e così via.

I pledge: animali fantastici e dove trovarli

A parte il fatto che i nomi dei pledge sono carinissimi (noi abbiamo scelto la Otter-Penguin) in questo momento la versione ‘base+stretch goal‘ comprende: il manuale base, il libro delle avventure con tutti i Libretti aggiuntivi sbloccati durante la campagna, tutto il pacchetto digitale, i mazzi di carte delle azioni di combattimento, il set di dadi con il sacchetto di stoffa, cinque quadernini per gli appunti sulla campagna, la mappa in tessuto del mondo di Avatar e il segnalino del Loto Bianco.

Il Pledge a cui non potete dire di no...
Si chiama Otter-Penguin, ragazzi…

Chiaramente si arriva fino a poter avere nella versione da vero fan il manuale con la cover personalizzata, il sacchetto di cuoio per i dadi e il set di dadi metallici. Questo Quickstart è un’occasione davvero ghiotta per tutti i fan della serie, perché il set completo sarà davvero carino grazie alle possibilità di Nickelodeon. Sempre che gli autori non scappino con il malloppo, s’intende. Qualcuno ha detto: “Honolulu, arrivo!”?

In conclusione

Avatar Legends: the Roleplaying Game ha già fatto la storia. Ci aspettiamo molto da questo gioco, sia per l’autore che per il setting, e sappiamo che sarà probabilmente un buon modo per avvicinare tanti nuovi giocatori al tavolo. Avatar Legends è un gioco giovane, supportato da meccaniche fresche e molto caratteristiche. In questo momento non rimane davvero che da festeggiare il traguardo insieme alla Magpie Games e aspettare trepidanti l’arrivo del manuale!

Se questo articolo ti è piaciuto, dai un’occhiata anche a: ANTEPRIMA KICKSTARTER: BROKEN TALES, LE FIABE SPEZZATE

Attenzione, tutte le immagini presenti nell’articolo sono state prese da Kickstarter.

 

Lo sai che ora puoi ascoltare i nostri articoli invece che leggerli?

Logo DungeonDice.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button