Cronache

Intervista agli autori di SYNDICATE: An Interplanetary Conquest Board Game

Questa settimana invece del solito Nikstarter di cui nessuno capisce niente perché scrivo come se avessi assunto LSD vi porto l’intervista integrale che ho fatto a Greg Dietz, co-autore insieme a Josh Pollack di “SYNDICATE: An Interplanetary Conquest Board Game”. I due sono stati così gentili da avere la pazienza di sopportare il sottoscritto, raccontandomi tutto il percorso che ha portato alla seconda campagna KS del progetto partita il 18 Agosto. A nome di tutta l’allegra compagnia di Fustella Rotante ringrazio il buon Greg e il buon Josh per la disponibilità e facciamo loro un grande in bocca al lupo per questo rilancio. La pagina della campagna la trovate a questo link
 
Buona lettura!
 
 

 

Let’s start with the main topic: this is Syndicate’s second KS. When did you realize you needed to interrupt the first campaign and start anew?

 

 
For first time game designers and first time Kickstarter creators, our first Kickstarter launch on June 23 went quite well. Of the $55,000 funding goal we raised just over $30,000 in under two weeks of the 30 day campaign. So why relaunch? We made the difficult decision to end our first campaign early and do a quick turnaround for a relaunch on August 18th because there was a lot of amazing feedback from the Kickstarter community we wanted to bring into our campaign. The best way to incorporate that feedback and offer an even better game reward and campaign was to create a new one. Relaunching like this is not uncommon. We are confident that the REDUX will make an even bigger splash.
 
We removed non-core pledge tiers enabling us to really improve our core pledge while also reducing our funding target. The REDUX core pledge includes everything from the original campaign, with a lot of exciting upgrades such as a Sovereign Destroyer mini now in the core pledge instead of only as an add-on and a solo mode included in the game. There will also be a group pledge for friendlier shipping and a 3D player mat as a stretch goal. When we got rid of the more complicated add-on tiers and focused on the core game, we were able to lower our funding goal to $35,000. If you liked our first campaign, you will love the REDUX!
 

 

Partiamo subito con l’argomento forse più importante: quella partita ieri è la seconda campagna Kickstarter di Syndicate. Quando avete realizzato la necessità di interrompere la prima campagna e di iniziarne una nuova?

 

 
Per essere la nostra prima volta su Kickstarter come game designer e come organizzatori della campagna, il nostro primo lancio il 23 Giugno stava andando piuttosto bene. Avevamo già superato i 30.000 $ su un obiettivo di 55.000 $ in meno di due settimane di campagna, che prevedeva comunque una durata di trenta giorni. E quindi perché il rilancio? Abbiamo preso questa difficile decisione e abbiamo pianificato una rapida ripartenza per il 18 Agosto spinti dal grande numero di feedback eccezionali che ci sono pervenuti dalla community di KS e che volevamo integrare nella nostra campagna. Il modo migliore per fare questo, offrendo al contempo anche ricompense migliori, era quello di creare di ripartire da zero. I relaunch come questo non sono così rari. Noi siamo inoltre convinti che il REDUX potrà fare un botto ancora più grande.
 
Abbiamo tolto i pledge non-core dandoci la possibilità di aumentare sensibilmente il pledge base, riducendo al contempo il nostro obiettivo economico. Il contributo base adesso include tutto quello che era già presente nella campagna originale, con l’aggiunta di un sacco di interessanti upgrade come la miniatura del Sovereign Destroyer e soprattutto la modalità single player. Abbiamo inserito poi l’opzione per il pledge di gruppo per rendere le spese di spedizione più gestibili e aggiunto un player mat 3D tra gli stretch goal. Quando ci siamo liberati di tutti quei complicati add-on e ci siamo focalizzati sul gioco base, siamo stati in grado di abbassare il nostro obiettivo a 35.000 $. Se avete amato la prima campagna, adorerete la REDUX!
 
 

 

Syndicate has a very deep, detailed lore. How did you develop it? What inspired you?

 

 
Both of us are big science fiction fans. Naturally, a science fiction themed game is the direction we wanted to go. Deeper than that we were able to exercise another passion besides board games that Josh and I share, which is writing science fiction. As we built the game mechanics we wove in an immense universe of world building, which adds to the thematic element and player immersion of the game.
 
Space opera is a very fun playground for science fiction technology and social thought experiments. How would society develop when separated from Earth’s culture? This was a key question in the formation of the lore of SYNDICATE. We started with the fundamental part of world building, which is history. The history of how humanity colonized Arcturus and how civilization and government evolved over hundreds of years was key. We then moved onto painting the picture of the star system and the major planets, moons and stations that occupied it. Next came the characters, which were the syndicates themselves. We are continually adding to the details of the universe, which appear in the mission cards of the game and in published lore leaks such as the Arcturus Archives located on our website.
Our goal is for this to be an expansive saga. Star Wars started somewhere, right?
 

 

Syndicate si basa su un’ambientazione molto profonda e dettagliata. Come l’avete sviluppata? Da cosa vi siete fatti inspirare?

 

 
Entrambi (Greg e Josh NdN) siamo grandi appassionati di sci-fi. Questo ha reso inevitabile per noi la scelta di creare un gioco con una tematica fantascientifica. Inoltre volevamo esercitarci sull’altra grande passione condivisa da me e Josh, oltre ovviamente a quella dei giochi da tavolo, che è scrivere di sci-fi. Dopo aver costruito le meccaniche del gioco ci siamo ritrovati sommersi in un world building davvero immenso, che ha aggiunto gli elementi tematici e che permette una completa immersione del giocatore nel gioco. 
 
Un’opera incentrata sulla frontiera spaziale offre un terreno perfetto per divertirsi con la tecnologia fantascientifica e per sperimentare a livello sociale. Come si potrebbe sviluppare la società nel momento in cui venisse separata dalla cultura terrestre? Questa è stata la domanda chiave che ci ha guidato nella realizzazione dell’ambientazione di SYNDICATE. Siamo partiti con la parte fondamentale della creazione del mondo, ovvero la Storia. La chiave era tutta nella Storia di come l’umanità abbia colonizzato Arcturus e come la civiltà e la politica si siano poi evolute nell’arco di centinaia di anni. In seguito ci siamo spostati sul dipingere l’immagine del sistema solare, dei pianeti maggiori, delle lune e delle stazioni spaziali che lo compongono. Subito dopo abbiamo sviluppato i personaggi, che erano in buona sostanza i “syndicates”. Stiamo continuando ad aggiungere un sacco di dettagli al nostro universo, dettagli che compaiono per esempio sulle carte missione presenti nel gioco e negli Arcturus Archives presenti sul nostro sito web. Il nostro obiettivo è quello di creare una saga in continua espasione. Anche Star Wars sarà partito da qualche parte, no?
 

 

What board game mechanically influenced you the most?

 

 
There are several games that influenced us. Most prominent are:
 
  • Terraforming Mars: sci-fi space theme with tile placement and robust action menu; player mat functionality; and using the same components interchangeably for all resource types.
  • Monopoly: open trading and income (some not all) through area ownership.
  • Dead of Winter: in game story flair, mission cards and action dice
  • Scythe: economics and resource management with engaging, but not central, combat.
  • Catan: easy to learn with large depth of play and replayability.
 

 

Quali sono i giochi che vi hanno influenzato di più nello sviluppo delle meccaniche di Syndicate?

 

 
Ci sono diversi giochi che ci hanno influenzato. I principali sono:
 
  • Terraforming Mars: per il tema dello spazio, il piazzamento tessere e una vasta gamma di azioni possibili; per la funzionalità del player mat; per la possibilità di utilizzare gli stessi componenti in maniera intercambiabile per tutti i tipi di risorse.
  • Monopoly: per la possibilità di contrattazione aperta e per l’idea di rendita legata alle aree possedute dai giocatori.
  • Dead of Winter: per la peculiarità della storia e di come si lega al gioco, le carte missione e per le azioni risolte con i dadi.
  • Scythe: per la gestione risorse ed economia con la possibilità di combattimento, senza che questo risulti centrale.
  • Catan: semplice da imparare con un’enorme livello di profondità e di rigiocabilità.
 

 

Are you already considering publishing expansions for Syndicate?

 

 
100%! The first set of expansions will be the single player campaign series. We have been developing several replayable single player campaigns each based on one of the ten unique syndicates of Arcturus. One of these will be included in the core pledge level of the Kickstarter, so backers will get a sneak peak at the solo mode games. After Kickstarter the multiple single player syndicate games will be sold together as an expansion. In addition to the single player expansion, there are other SYNDICATE expansions in the pipeline such as one focused on the Sovereign (the authoritarian government in Arcturus) and another focused on combat. Furthermore, the universe that SYNDICATE is based in is deep. There are many games that can be based in the star system of Arcturus and the seven other colonized star systems in the sci-fi universe we have created.
 

 

State già considerando la possibilità di pubblicare delle espansioni di SYNDICATE?

 

 
Al 100%! Il primo set di espansioni sarà una serie di campagne single player. Abbiamo sviluppato molte campagne single player ad alta rigiocabilità, ciascuna incentrata su uno dei dieci “syndicate” presenti su Arcturus. Una di queste sarà inclusa nel pledge base, così i backer potranno già dare un’occhiata al solo mode. Dopo la campagna tutti i giochi single player saranno venduti insieme come un’espansione. Oltre a questo, ci sono altre exp in previsione per Syndicate, come per esempio una incentrata sul Sovereign (il governo autoritario di Arcturus) e un’altra focalizzata sul combattimento. Va considerato poi che l’universo su cui SYNDICATE si basa è davvero vasto e profondo. Ci sono moltissimi giochi che potrebbero essere ambientati nel sistema solare di Arcturus e negli altri sette sistemi solari colonizzati nell’universo creato da noi.
 
 

 

What do you expect from this relaunch? How far can Syndicate go?

 

 
We fully expect to reach our $35K goal quickly, which will allow us to reach for some of the very cool stretch goals, all of which will be kept secret (with the exception of the lore book and 3D player mat) until the funding goal is reached. We cannot wait to get this game into peoples’ hands. Based on what we have seen so far, once people start playing, word will spread fast about SYNDICATE.
 
As to how far can the game go? Well, in time, we are hoping to be up there with Catan, Pandemic and Gloomhaven.
 

 

Cosa vi aspettate da questo rilancio? Dove può arrivare un progetto come SYNDICATE?

 

 
Noi ci aspettiamo di raggiungere rapidamente l’obiettivo dei 35K $, il che ci dovrebbe inoltre premettere di aggiungere alcuni dei vari stretch goal bellissimi che abbiamo pensato, ma che terremo segreti finché non verranno raggiunti (con l’eccezione del lore book e del player mat 3D). Non vediamo l’ora di poter mettere questo gioco nelle mani delle persone. Se ci basiamo su quanto visto fino ad adesso, appena la gente inizierà a giocare a SYNDICATE la voce si diffonderà piuttosto rapidamente. 
 
Dove può arrivare il gioco? Beh, con il tempo, speriamo possa arrivare là dove sono Catan, Pandemic e Gloomhaven.
 

 

Next projects?

 

 
We have some great projects coming down the pipeline. First, this is only the beginning of the SYNDICATE universe. There are tons to explore. We also have plans to create a co-op game and a party game. In fact, the party game will be designed over a live video series and podcast, so gamers and other designers can give their input as the game is being created.
 

 

E per quanto riguarda i prossimi progetti?

 

 
Abbiamo diversi progetti in previsione. Innanzi tutto, questo è solo l’inizio per quanto riguarda l’universo di SYNDICATE. C’è un sacco di materiale ancora da esplorare. Stiamo inoltre progettando di creare un gioco co-op e un party game. Per la precisione, il party game verrà sviluppato durante una serie live e un podcast, così i giocatori e gli altri designer potranno dare i loro input durante la creazione del gioco.
 
 
 
Sì ringrazia PDU Games per l’intervista e per la concessione all’utilizzo delle immagini che trovate in questo articolo.
Logo DungeonDice.it

Nicola Patti

Suo nonno e i suoi amici si mettevano davanti casa per giocare a briscola fino a notte. Lui voleva giocare con loro. E così è iniziato il suo amore per i card games. E poi giochi da tavolo, giochi di ruolo, giochi di ruolo dal vivo, videogames. Se solo non fosse uno dei peggiori strateghi e tattici sulla faccia della terra, se solo avesse voglia di leggere i regolamenti, se solo non fosse sfigato con i dadi sarebbe un ottimo giocatore. Da sempre sostiene che morire giocando è il secondo miglior modo per morire.
Back to top button