Cronache

Una estate a colori Ep.2: il negozio

Nella prima “puntata” di una estate a colori mi sono dimenticato di segnalare quale primer ho comprato su Amazon. Quello che ho capito è che il primer si può passare sulla miniatura in tre modi: con lo spray, a pennello e con l’aerografo. L’areografo non ho idea di come funzioni. Sì beh, so come funziona, ma non saprei utilizzarlo. Partiamo da cose più semplici.

Su internet ho comprato questo spray. L’ho preso bianco per tre motivi:

  1. è un colore base;
  2. voglio provare il primer spray;
  3. non sapendo se mi piace il primer in spray, ho comunque preso il bianco per l’eventuale tecnica dell’”illuminazione”.

La tecnica dell’illuminazione (io la chiamo così) permette, a quanto pare, di mettere in risalto le parti delle miniature che sono esposte di più a un ipotetico punto luce. In questa maniera la miniatura dovrebbe venire più chiara nelle parti “esposte” e più scura in quelle “ombreggiate”. Non so se funziona, ma se altri dicono di sì, ci proviamo. Dal vivo ho visto questa tecnica solo sulle miniature della Awaken Realms con sundrop e sinceramente mi sembra una bella m***da. Però magari fatta con senso può venire bene. Vedremo.

Oggi sono stato a negozio per i colori. Mi ero prefissato di prendere dei colori “base” in modo da poterli mescolare e ottenere anche gli altri. Quindi mi sono segnato:

  • Giallo
  • Rosso
  • Nero
  • Bianco
  • Blu
  • Verde
  • Oro
  • Argento

Sul tipo di colore sono andato un po’ a caso. Non sapevo che marca di colori avesse il negozio, ma sono stato fortunato ho trovato un espositore intero di Vallejo Model Color.

Ora, sulla marca dei colori su internet ne ho lette di tutti “i colori” (ahah…no?) e sinceramente non so che pensare. Ho capito che esistono varie marche i cui acrilici si comportano in modo differente:

Ho letto che per iniziare i Model Color vanno più che bene. I Game Color (che a leggere sul sito della Vallejo sono più adatti alle miniature dei giochi da tavolo) sembra che non abbiano la stessa resa (e comunque esistono meno sfumature). I Citadel costano di più e sono più vischiosi, quindi più difficili da trattare a quanto pare. Inoltre hanno una “boccetta” che li fa seccare prima… boh. Gli Army Painter non sono consigliati. Per gli altri ognuno ha la sua idea.

Comunque in negozio ho portato tre miniature di esempio e il negoziante mi ha proposto i Model Color ed eventualmente un’altra marca che sembra americana (con 2 stelline sopra) che non ho riconosciuto.

Ho preso i Model Color senza pensarci troppo. Ho comprato anche un pennellino per il “dry brush”, visto che nel set che ho preso su internet non c’era, e un primer nero a pennello, sempre della Vallejo, per vedere la differenza con lo spray. Infine, su suggerimento del negoziante ho preso anche un diluente, il Thinner medio, per pulire i pennelli. Io credevo che bastasse l’acqua calda, ma lui mi ha detto che per togliere le incrostazioni dalle setole è meglio. Proverò.

 

Se questo articolo ti è piaciuto leggi il prossimo episodio Qui
Logo DungeonDice.it

Coso

Educato sin da piccolo tramite le migliori scuole (Ken il guerriero, I Cavalieri dello Zodiaco e City Hunter), già da bambino adoravo i giochi da tavolo. Dopo un’adolescenza alla deriva dedicata ai videogiochi, soprattutto avventure grafiche, e alla salsa (passione per il ballo ancora non del tutto sopita), sono tornato ai Giochi da Tavolo appassionandomi subito ai cosiddetti GdM (giochi di Merda per chi non avesse compreso n.d.r.).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button