ConsigliCronache

Consigli per un Natale ludico – Giochi di Ruolo

Natale non è solo un momento per stare insieme, ma anche per raccontare e raccontarsi. Ogni piccolo cadeau custodisce un messaggio che non trova nella lingua parlata il suo mezzo di comunicazione, ma che fluisce tramite la scelta precisa e minuziosa di un oggetto, che speriamo arricchisca la vita della persona a cui ne facciamo dono. Molto spesso ci ritroviamo, tra una portata e l’altra in questi giorni di festa, a raccontare degli episodi capitati qualche anno prima, se non addirittura decenni. I racconti si fanno di anno in anno più vivaci e grotteschi, mentre i ricordi sempre più sbiaditi e più simili a fotogrammi di un film. E’ in questi casi che mi convinco sempre più che una buona narrazione possa diventare eccellente, se condivisa e che se si ha abbastanza fantasia, per arricchire di eccentrici dettagli i fatti accaduti decine di anni fa, se ne ha sicuramente abbastanza per inventarli di sana pianta! Ecco quindi una selezione di Giochi di Ruolo che vi consiglio di provare e che possono rivelarsi degli ottimi regali di Natale. Ecco i miei consigli per un Natale ludico all’insegna del Gioco di Ruolo.

Fiasco

Fiasco
Immagine presa dalla rete di un dettaglio della copertina.

 

Un evergreen, che da più di 10 anni popola molte librerie (nelle sue diverse edizioni) di giocatori e teatranti. No, non parla di bottegai e barili di vino, bensì di storie che contengono un clamoroso fallimento e di come le rocambolesche avventure dei personaggi li accompagnino ad un epilogo non sempre sereno. Un sistema masterless che non necessita di alcun tipo di preparazione, un gioco sempre pronto all’uso, in cui vi basterà scegliere uno Scenario tra quelli proposti nel manuale e lanciare una manciata di dadi. Ecco, siete già pronti per raccontare la vostra avventura disastrosa in pieno stile fratelli Coen!

Old School Essentials

i cinque manuali di OSE

Il fascino del primo amore su carta patinata, dal finish opaco per non affaticare la lettura all’interno di piccoli volumetti brossurati, baluardo del movimento OSR e, probabilmente, ad oggi il miglior prodotto sul mercato tra i molti di questo filone. OSE è il retro-clone più apprezzato di B/X, ovvero Dungeons&Dragons Base and Expert (scatola rosa e scatola blu per chi gioca da più di 3 decenni) usciti nella prima meta degli anni ’80. Le scelte a disposizione dei giocatori possono sembrare limitate, ma è lì che risiede la vera forza di questo sistema: regole lineari e nette che permettono anche ai neofiti di controllare a pieno le scelte e l’evoluzione del proprio personaggio. Il suo maggior pregio è però sicuramente quello emotivo: permette infatti di avvicinare generazioni di giocatori avendo “svecchiato” non poco il macchinoso regolamento originario, senza fargli perdere quell’affascinante senso di costante pericolo tanto caro ai giocatori d’annata.
Need Games lo porta in Italia in due formati: Scatola Nera, contenente 5 manualetti divisi per argomento (Regole base, ambientazione, mostri, incantesimi e tesori) oppure Tomo delle Regole, unico volume omnicomprensivo.

 

il Re in Giallo

i quattro manuali del Re in Giallo
Manuali della versione inglese

 

Dalle Serie tv (una tra tutte True Detective) ai fumetti la figura dell’Innominabile è tra le più amate del ciclo di Cthulhu. La Pelgrane Press ci regala un gioco di ruolo di ottima fattura non solo per la ricercatezza estetica di illustrazioni e materiali di stampa, ma soprattutto per l’esperienza immersiva tipica del GUMSHOE  (il sistema che viene utilizzato nel il Re in Giallo) che viene qui amplificata dalla sua nuova incarnazione “Quickshock” con un sistema di combattimento tutto nuovo e creazione e gestione dei personaggi, molto più dipendente dalle scelte del singolo giocatore e dalle relazioni con gli altri personaggi in gioco. Il cofanetto contiene quattro ambientazioni diverse in manuali dalla copertina rigida, incastonati nello schermo del Moderatore di Gioco. Sicuramente un gioco per Narratori esperti che dovranno anche avere una profonda e vasta conoscenza delle opere di Robert W. Chambers, ma che di certo non tradirà le aspettative dei cultisti più esigenti. Non scaricate il quickstart gratuito dal sito Need Games!

 

Dread

Dread

Per i giocatori che non temono nulla, ma non hanno alcuna voglia di tirare dadi o estrarre carte! Sì, avete capito bene, non ci sono tiri di sopravvivenza e nulla è lasciato al caso… o quasi. Il sistema innovativo di Dread utilizza una torre di Jenga! il Guardiano, così viene chiamato il narratore nel gioco, chiederà infatti ai giocatori di estrarre un tassello dalla torre al centro de tavolo e sarà proprio il risultato di questa azione, o il rifiuto da parte del giocatore di effettuarla, a determinare le sorti del suo personaggio. La torre del Jenga rappresenta infatti l’instabilità che permea le storie dell’orrore, dove i protagonisti vivono in bilico tra il terrore e la speranza di uscirne vivi. Questa volta, quando la torre crollerà, invece di urlare a gran voce “jengaaaaa!” il personaggio verrà rimosso dal gioco. Nella versione localizzata da MS Edizioni ci sono altre alternative alla torre di Jenga e quattro storie pregenerate pronte da giocare. Gioco ad altissima mortalità dei personaggi, ma particolarmente indicato come “ponte” tra il gioco da tavolo e il gioco di ruolo.

 

Vaesen

Vaesen

Manuale con copertina in stoffa, illustrazioni a colori, carta di qualità superiore e profumo di foreste incontaminate (non sto scherzando!). Il sistema di gioco è il solito di Fria Ligan: solido e apprezzato dai giocatori, l’ambientazione è caratteristica e affascinante, sovrannaturale, horror, misteriosa. Detta così potrebbe sembrare un guazzabuglio senza troppo senso di cose sconnesse, invece è proprio qui che risiede la bellezza dell’ambientazione di questo gioco di ruolo. Vaesen ci trasporterà nei miti e nel folklore della Scandinavia. Un solo manuale di 200 pagine per descrivere un intero mondo, celato dietro un’apparente normalità, che solo i Cacciatori che hanno riacquistato la Vista possono esplorare. Un mondo fatto di fantasmi, giganti, draghi, troll, lupi mannari e fate, ma soprattutto popolato di creature tipiche delle leggende del profondo Nord come l’Hudra (custode della foresta), i Myling (gli spiriti dei bambini perduti), i Tomtar (potrei descriverveli come dei folletti “aiutanti di Babbo Natale” ma sarebbe riduttivo) e molti, molti altri…

 

A Natale regala un’avventura

 

Come dice il Pabis : “a Natale regalate libri o giochi, non sono solo oggetti, sono esperienze!” con i giochi di ruolo pigliate due piccioni con un pacchetto! E se non lo avete ancora fatto, date un’occhiata anche agli altri nostri consigli per un Natale ludico adatti a tutti, oppure per un Natale ludico adatto a giocatori esperti!

Per la stesura di questo articolo ringrazio AndreaGiulianoLuca e Simone i miei influencers di ruolo.

 

 

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Fustella Rotante cliccando sul banner riportato di seguito, o sui link che hai trovato nell’articolo. Non ti verrà addebitato nessun extra per il tuo eventuale acquisto, mentre Fustella Rotante potrà contare su una piccola (ma importante) commissione. Grazie!

Logo DungeonDice.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dello stesso autore
Close
Back to top button